Martedì, 08 Agosto 2023

Gli Influencer troppo Digital: il nuovo business dei burattini virtuali e l’avvento dei più efficienti Digital Humans

Influencer talmente Digital da non essere reali: il nuovo trend tecnologico del momento. Si tratta di una nuova e affascinante tendenza, che vede protagonisti personaggi virtuali creati in grafica CGI che stanno catturando l’immaginazione di milioni di utenti in tutto il mondo.
A prima vista i Digital Influencer sembrano persone reali ed è davvero complesso rilevare campanelli d’allarme che potrebbero lasciare intendere un’artificialità in foto e video sapientemente studiati. In realtà questi personaggi sono generati completamente al computer, pensati per comunicare, interagire e collaborare con brand e aziende, dando vita a un nuovo tipo di business la cui eticità si immerge in una grey-zone profonda.

Tra le Digital Influencer protagoniste del momento, spicca il nome di Rozy, la creazione 100% virtuale di @Sidus Studio X, una media company sud coreana. Ciò che rende Rozy particolarmente interessante è l’approccio dei suoi creatori che stanno cercando di rappresentarla come una normale ragazza coreana apparentemente lontana dagli stereotipi di bellezza occidentale. Una scelta che ha suscitato interesse e discussione, proprio perché estremamente realistica e contestualizzata, tanto da trarre in inganno i tanti utenti dei social network, passando per personaggio reale e provocando profonda empatia.
Superate le prime rigidità e controversie, Rozy sta diventando una delle Digital Influencer di maggiore successo in tutto il mondo, con contratti di collaborazione all’attivo con marchi rinomati della moda e del beauty.

La strategia del successo: controllo e potere di un’identità digitale

Da dove deriva la fortuna di questo business e perché i Digital Influencer, nella loro illusione e finzione, stanno avendo un successo tale da superare addirittura i risultati dei Real Influencer?

Una ricerca pubblicata da Hype ha infatti riportato come i Digital Influencer stiano riscontrando un engagement tre volte superiore rispetto a quello generato dai colleghi umani.
Per stare al passo, gli Influencer Reali sono costretti a massimizzare la produzione di contenuti, quadruplicando le pubblicazioni e facendo accrescere di conseguenza i costi di produzione, assottigliando quelli di guadagno. Uno sforzo esponenziale, a cui in molti non riescono a sopperire, lasciando il primato nella graduatoria degli Influencer a meri personaggi digitali.

La chiave del successo dei Digital Influencer sta nella loro capacità di soddisfare le esigenze dei brand e delle aziende in modi unici e innovativi: non invecchiano e non si stancano mai. Oltre a non generare polemiche o scandali di sorta, in cui spesso rimangono invischiate le controparti famose e reali. Possedere un’identità – seppur digitale - equivale ad averne il controllo assoluto, manovrandola come un burattino rispetto qualsivoglia interesse e progetto.

Queste potenzialità hanno reso i Digital Influencer un’opzione decisamente attraente per le aziende, anche per via dei costi enormemente ridotti. I Digital Influencer non hanno bisogno di viaggiare, non necessitano di prodotti e vestiti, sedute di make up o di hair styling. Oltre alla questione economica, anche i tempi di realizzazione video e shooting, nel momento in cui viene a mancare la componente reale, vengono ridimensionati da settimane a pochi giorni, se non ore.

I rischi sociali della natura fittizia e irreale dei Digital Influencer

Visto il grande successo riscosso, è inevitabile il dibattito che sta esplodendo attorno a questa tecnologia e la piega che sta prendendo il suo sfruttamento. Il business, pur essendo affascinante e innovativo, non è privo di rischi sociali. Infatti, l’imposizione di nuovi parametri di bellezza - questa volta letteralmente irraggiungibili, rischia di avvelenare ulteriormente le pesanti pressioni sociali imposte dalla società. Molti dei nuovi Digital Influencer incarnano standard di bellezza perfetti e ideali, con tratti fisici particolari, corpi snelli e pelli impeccabili, influenzando negativamente il pubblico e le generazioni più sensibili a pressioni e aspettative.

La responsabilità dei Digital Influencer quindi aumenta, rendendo i loro creatori obbligatoriamente promotori di messaggi che celebrino l’accettazione di sé e una visione più realistica e inclusiva.

Alcuni sostengono che i Digital Influencer rappresentino l’esasperazione di una tendenza già presente con i Real Influencer: la finzione, l’artificio e la manipolazione sono dinamiche a cui l’utente medio è già parzialmente educato, quando si confronta con il mondo degli influencer. La versione Digital, più prestante e ancor più perfetta, sta d’altra parte esasperando ulteriormente il concetto, talmente tanto da rischiare il contraccolpo.

La fortuna di social come BeReal, che spronano l’utente a pubblicare foto #nofilter e in momenti casuali della giornata, con un meccanismo studiato ad hoc, è la conferma di una necessità impellente verso cui le generazioni come la Z si stanno avviando.I Digital Influencer rischiano di cadere nel troppo, accompagnando il marketing digitale verso una decostruzione del concetto stesso di influencer, spingendo le persone alla ricerca di contenuti più autentici e reali: mettendo al primo posto la trasparenza, a partire dall’identificazione e la distinzione immediata tra ciò che è artificiosamente digitale e ciò che non lo è.

Per questo il futuro dei Digital Influencer va fortemente ripensato, andando oltre il contesto social e aprendo l’enorme potenziale verso nuove possibilità e capacità.

Ripensare i Digital Influencer come Digital Human

Negli ambienti tecnologici più avanzati, la tridimensionalità, lo spessore e il peso dell’identità digitale viene già reinvestita su progetti che più che influenzare, supportano l’utente per conto delle aziende. Grazie alla loro natura virtuale, i Digital Human possono essere personalizzati e ottimizzati per interagire e comunicare con il pubblico, coinvolgendo efficacemente anche le generazioni più giovani, lasciando loro fruire dei contenuti in maniera più innovativa e stimolante.

Assistenza, supporto ai processi aziendali, personalizzazione degli spazi web: le potenzialità che spostano il focus da un business basato sull’immagine, a un business basato sulle funzionalità che una personalità digitale può fornire, come intelligenza artificiale, sono molteplici: la chiave è passare da Digital Influencer a un Digital Human.

L’utilizzo di Digital Influencer subordinati all’assistenza sta già aprendo le porte di un business estremamente diverso, portando a una customer experience non solo più coinvolgente, ma anche più personalizzata che applica principi di AI per un supporto in progressione continua.Volendo scendere sul pratico e immaginando una rivisitazione del ruolo di Rozy, l’influencer virtuale sud coreana, oltre a possedere una sua identità e personalità fittizia, potrebbe mettere a disposizione la sua immagine come assistente virtuale per brand di settore, interagendo direttamente con i clienti attraverso un sistema automatizzato.

Quello dei Digital Influencer è un enorme potenziale che le aziende stanno imparando a utilizzare nel migliore dei modi, traendone la ricchezza ed evolvendola per non limitarsi a essere migliore – o conveniente - dell’uomo, ma più utile ed efficiente.

Queste meravigliose maschere digitali possiedono caratteristiche per persistere su alti obiettivi sociali: le aziende devono riconoscere in primis il peso e la responsabilità di un’identità ingombrante, seppur Digitale.

Lunedì, 19 Febbraio 2024

Chi avrà il controllo dei dati del nostro cervello? Il passo rivoluzionario verso la connessione Mente-Macchina

Martedì, 30 Gennaio 2024

Una Digital Transformation di successo: Intervista a Luca Griggio, CEO di Henoto World Wide

Veneredì, 19 Gennaio 2024

Il Fediverso by Meta: un progetto boicottato destinato a fallire?

Giovedì, 28 Dicembre 2023

Guidare nel Futuro: La Non-Leadership e il cambiamento dei ruoli nell'Era dell'Innovazione Digitale

Mercoledì, 15 Novembre 2023

Tecnologia in prima linea. La danza mortale dei droni mentre il conflitto Israelo-Palestinese sta evolvendo l'IT

Mercoledì, 18 Ottobre 2023

IT-Alert: Tra paura e teorie del complotto, la vera preoccupazione oggi è Cyber

CLIENTI

Chi crede in noi

logo sky
logo eni
logo enel
logo vodafone
logo accenture
logo fastweb
logo tim
logo trenitalia
logo rai
logo poste
logo mef
logo unicredit
logo regione-lazio
logo intesa-san-paolo
logo Hennes & Mauritz
logo grimaldi-lines
logo notartel
logo engineering

Contattaci

Cliccando il tasto INVIA accetto la privacy policy

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.